Ciao, vogliamo aiutarti.

Prenditi cura dei tuoi capi

10 consigli per rendere sempre impeccabili i tuoi capi

  1. Lava separatamente i capi bianchi e di colore chiaro dai capi scuri o colorati.
  2. Itessuti naturali come la lana, il lino o la seta si restringono se lavati a temperature troppo elevate e si deformano con la centrifuga o se tesi in verticale. Ti consigliamo di lavare i tessuti artificiali e sintetici con acqua tiepida e di stirarli a bassa temperatura e a rovescio. I jeans devono essere lavati sempre da rovescio e a temperature non superiori ai 40°C.
  3. Non riempire eccessivamente la lavatrice. un carico eccessivo può far sì che i capi non vengano lavati a sufficienza.
  4. Ti consigliamo di lavare utilizzando detergenti neutri che contengono meno agenti sbiancanti.
  5. Lava i capi da rovescio e se possibile con detergente liquido e non in polvere o solido.
  6. Usa detersivo e ammorbidente con moderazione. Se ne fai un uso eccessivo, i capi potrebbero presentare delle macchie.
  7. Evita l'uso dell'asciugatrice onde prevenire l'opacizzazione dei tessuti e l'usura dei capi.
  8. Le alte temperature usurano i tessuti.
  9. Quando asciughi i capi all'esterno, evita l'esposizione alla luce diretta del sole.
  10. Quando stiri, inizia applicando la temperatura più bassa. Stira i capi leggermente umidi e a rovescio nel caso dei colori scuri.

Simboli di lavaggio

Cosa significano i simboli riportati sulle nostre etichette?

Lavaggio

Lavare in lavatrice. Il numero (30º C, 40º C, 60º C, 95º C) indica la temperatura massima di lavaggio.

Lavare in lavatrice con programma normale e centrifuga breve. Il numero (30º C, 40º C, 60º C, 95º C) indica la temperatura massima di lavaggio.

 

Lavare a mano a max 30ºC. Non sfregare né strizzare il tessuto.

Non lavare.

Uso di candeggina

È consentito l'uso di candeggina.

Non è consentito l'uso di candeggina.

Stiratura

Stirare a temperatura elevata: massimo 200°C. Cotone, lino o viscosa.

Stirare a temperatura media: massimo 150°C. Lana e miscele di poliestere.

Stirare a bassa temperatura: massimo 110°C. Seta naturale, rayon, acetato o acrilico.

Non stirare.

Lavaggio a secco

Le lettere (A, F, P) all'interno dei cerchi indicano il tipo di prodotto adatto a ciascun capo (informazioni utili per le tintorie).

Non lavare a secco.

Asciugatura

Può essere asciugato in asciugatrice.

Non può essere asciugato in asciugatrice.

Asciugare in asciugatrice a bassa temperatura.

Asciugare in asciugatrice a temperatura normale.

Tendere in orizzontale.

Tendere senza strizzare.

Asciugare appeso a una gruccia.

Fibre chimiche

Le fibre chimiche sono prodotte presso stabilimenti chimici. Se vengono utilizzate materie prime di origine naturale, sono denominate fibre artificiali. Se sono costituite da composti del petrolio, sono denominate fibre sintetiche.

Viscosa

La viscosa o rayon è una fibra morbida al tatto con caratteristiche simili al cotone e con un aspetto analogo alla lana o alla seta. Ha la caratteristica di incresparsi facilmente e di essere molto assorbente. Tende a restringersi a causa della sua bassa resistenza.

Acetato

Fibra artificiale morbida e leggera con aspetto simile a quello della seta. Alcune delle caratteristiche sono: non si restringe, non stinge e non si ingrinzisce eccessivamente. Viene solitamente utilizzato nell'intimo, nelle bluse, nei vestiti e in altri accessori.

Modal

Fibra artificiale morbida e comoda da indossare, con proprietà analoghe al cotone con elastane. È resistente e non si ingrinzisce.

Poliestere

Fibra sintetica altamente resistente che non si ingrinzisce e non si restringe. Ha varie applicazioni, da sola oppure unita a fibre naturali e chimiche. Ha costi contenuti e si asciuga rapidamente.

Acrilico

Fibra sintetica morbida e comoda. È altamente resistente alle condizioni climatiche moderate ed estreme. Spesso viene unita alla lana per conferirle maggiore resistenza.

Poliammide

Fibra sintetica altamente resistente ed elastica nota comunemente con il nome di Nylon. Si deforma alle alte temperature e non assorbe la traspirazione.

Elastane

Fibra utilizzata per conferire elasticità ai capi. Nota comunemente con il nome di Lycra, viene solitamente unita ad altre fibre.

Fibre naturali

Le fibre naturali sono prodotti ottenuti con sostanze presenti in natura. Sono suddivise in due gruppi in base alla loro origine, vegetale o animale.

Lino

Fibra di origine vegetale ottenuta dalla pianta del lino. Si tratta di una fibra forte, flessibile, molto resistente e lucida che assorbe l'umidità e la traspirazione. Tende a ingrinzirsi facilmente.

Ramia

Fibra di origine vegetale bianca con finitura lucida e setosa. Si tratta di una delle fibre naturali più forti e resistenti, ma con scarsa elasticità. Fissa bene il colore, dura a lungo ed è morbida.

Cotone

Fibra di origine vegetale morbida, elastica e resistente con elevata capacità di assorbimento dell'umidità. È la fibra più utilizzata e ha la caratteristica di ingrinzirsi facilmente.

Lana

Fibra naturale morbida ed elastica di origine animale. Con una capacità termica che consente di assorbire o far evaporare l'acqua in base alla temperatura esterna, si adatta ai cambiamenti nella temperatura corporea.

Seta

Fibra morbida e lucida derivata dal baco da seta. Si tratta della fibra di migliore qualità e aspetto, è setosa e morbida al tatto e ha una lucentezza caratteristica.